Epilessia e maternità

Associazione Epilessia Emilia Romagna - Epilessia e maternitàLe donne in età fertile che assumono farmaci antiepilettici, devono tener presente che l'efficacia della pillola anticoncezionale e degli altri contraccettivi a base ormonale estroprogestinica (cerotto anello vaginale) può essere ridotta da alcuni farmaci antiepilettici, se non si desidera una gravidanza è opportuno informarsi con il proprio neurologo di riferimento delle eventuali interazioni e, se queste ci sono utilizzare un metodo contraccettivo alternativo.

Nel caso si desideri un bambino, non ci sono ragioni per ritenere che le donne affette da epilessia non possano avere una gravidanza sana. Sebbene esista un rischio maggiore di complicanze, con un controllo medico adeguato, la gravidanza è possibile riducendo i rischi sia per la madre che per il nascituro. A questo proposito alcuni consigli possono essere utili:

  • E' preferibile pianificare la gravidanza con il proprio medico curante, il ginecologo e il neurologo, perché scegliendo il farmaco più adatto e la giusta dose si possono ridurre i rischi per il feto.

  • Molti antiepilettici possono aumentare il rischio di malformazioni soprattutto a carico del tubo neurale (es. spina bifida).Come in tutte le gravidanze, indipendentemente dalla esposizione ai farmaci, è , importante una supplementazione di acido folico nei 3 mesi che precedono la gravidanza e per tutto il primo trimestre. Questa raccomandazione si è dimostrata infatti efficace nel ridurre il rischio di malformazioni, particolarmente del tubo neurale. Se sei in età fertile e non usi contraccettivi valuta con il medico la possibilità di utilizzare l'acido folico in modo continuativo.

  • Durante la gravidanza effettuare tutti i controlli medici, ecografici e di laboratorio necessari per valutare il corretto sviluppo del feto. Si raccomanda di monitorare il livello ematico dei farmaci antiepilettici assunti, e se necessario aggiustare la dose.

  • Assumere i farmaci esattamente come sono stati prescritti dal medico. Non abbandonare la terapia anche se la gravidanza non è stata programmata. Non cambiare il dosaggio o non sospendere il trattamento di propria iniziativa, ciò potrebbe causare un aumento della comparsa delle crisi, con rischi anche maggiori di quelli associati all'uso dei farmaci antiepilettici.

  • Alcuni medici raccomandano un supplemento orale di vitamina K (nell'ultimo mese di gravidanza alle donne che assumano alcuni tipi di farmaci per prevenire possibili emorragie nel neonato dopo la nascita. Sarà comunque il medico a dare consiglio.

  • Molti antiepilettici sono escreti nel latte materno in quantità variabili e comunque inferiori a quelle a cui i bambini sono stati esposti durante la gravidanza e il loro impiego non costituisce generalmente una controindicazione all'allattamento al seno, anzi l'allattamento al seno è generalmente indicato per i suoi importanti e comprovati benefici. E' bene comunque prestare attenzione a segni di eccessiva sonnolenza con difficoltà ad attaccarsi al seno e quindi a nutrirsi nei bambini allattati al seno benché questa eventualità sia rara e comunque reversibile passando all'allattamento misto, o, se la situazione non migliora artificiale.

  • E' opportuno che la madre che allatta sorregga il bambino in una posizione tale da evitare conseguenze nel caso abbia una perdita di coscienza (per esempio coricandosi a letto, sedendosi su una poltrona larga o sul pavimento sopra dei cuscini). Non è necessario ricorrere all'uso del biberon raccogliendo il proprio latte, tuttavia questa può essere una strategia utile per affidare al papa o altra persona la poppata notturna e permettere un sonno più riposante alla mamma.


Testo AEER rivisto con la supervisione della dott.ssa Barbara Mostacci
IRCCS Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna
Ospedale Bellaria Bologna

 

 
Stampa questa pagina Torna alle schede

Hai delle domande o dei dubbi?
Chiedi all'esperto con il servizio di AEER:

AEER RISPONDE

 


 
Devolvi il tuo 5x1000 ad AEER
AEER RISPONDE

Gruppo di autoaiuti AEER
Sportello informativo e di ascolto AEER
Sportello legale AEER
Carta dei servizi - Neurologia Bellaria
Le guide di AEER
BLOG UNITI CONTRO L'EPILESSIA - UNITED BLOGS AGAINST EPILEPSY



Sito web di proprietà dell'AEER - realizzato da sitosolidale.com