L’Epilessia è una condizione clinica causata da un’anomala attività elettrica nel cervello che si traduce in “crisi”. Quando una persona ha l’epilessia, la sua attività elettrica cerebrale viene interrotta da intermittenti scoppi di energia elettrica che sono più intensi e differenti del normale. Questi possono alterare lo stato di coscienza della persona, i movimenti del corpo o le sue sensazioni per poco tempo. Queste modificazioni improvvise vengono chiamate “crisi”. Gli anomali “scoppi” di energia possono avvenire in una sola e determinata parte del cervello (crisi parziali) o riguardare le cellule nervose attraverso tutto il cervello (crisi generalizzate). Le condizioni cerebrali che sono in grado di provocare le crisi possono essere presenti fin dalla nascita o possono svilupparsi in seguito a traumi, infezioni, anomalie strutturali del cervello, esposizione ad agenti tossici e per altre ragioni ad oggi ancora poco note. Molte malattie possono interessare il cervello dando luogo a crisi isolate. Quando le crisi si ripetono, per cause sconosciute o perché il disturbo all’origine non può essere eliminato, si parla di epilessia. L’epilessia può insorgere a qualsiasi età, in tutte le nazioni ed in tutte le razze.