HOME > I cani dimostrano che le crisi epilettiche negli esseri umani hanno un odore

I cani dimostrano che le crisi epilettiche negli esseri umani hanno un odore

Abstract

Sebbene diversi studi abbiano dimostrato che malattie come il cancro al seno o al polmone sono associate a specifici odori corporei, nessuno studio ha ancora testato la possibilità che le crisi epilettiche si riflettano in un profilo olfattivo, probabilmente perché esiste una grande varietà di tipi di crisi. La domanda è se esiste un "odore-sequestro", che sarebbe trasversale agli individui e ai tipi di convulsioni. Questo sarebbe un pre-requisito per una possibile anticipazione, sia attraverso sistemi elettronici (ad es. Nasi elettronici) che con cani addestrati. Lo scopo del presente studio era quindi quello di verificare se i cani addestrati, come dimostrato per cancro o diabete, possono discriminare un generale odore di crisi epilettiche (diverso dagli odori corporei della stessa persona in altri contesti e comune a persone diverse). I risultati sono stati molto chiari: tutti i cani hanno discriminato l'odore delle crisi. La sensibilità e la specificità ottenute sono state tra le più alte finora mostrate per la discriminazione delle malattie. Ciò costituisce una prima prova del fatto che, nonostante la varietà di convulsioni e odori individuali, le convulsioni sono associate a caratteristiche olfattive. Questi risultati aprono un ampio campo di ricerca sulla firma degli odori delle convulsioni. Ulteriori studi mireranno a esaminare potenziali applicazioni in termini di anticipazione dei sequestri.

Introduzione

I cambiamenti nell'odore umano, come sintomi di malattie specifiche, sono stati notati dal tempo di Ippocrate. Solo recentemente, tuttavia, è stato dimostrato che l'odore del corpo umano varia in relazione ai disturbi della salute. Ad esempio, la composizione del respiro espirato è diversa nei pazienti con carcinoma polmonare, malattia polmonare o epatica infiammatoria, disfunzione epatica o renale o diabete1,2,3.

L'identificazione dei profili di odore è diventata una questione importante e sono stati trovati alcuni composti organici volatili specifici della malattia (VOC). Rilevare questi particolari odori nelle prime fasi delle malattie è fondamentale e sono state sviluppate nuove tecnologie di screening (ad esempio naso elettronico4). Tuttavia, le tecnologie esistenti non sono ancora sufficienti. Così, nella loro recensione, Szulejko et al.5 hanno sottolineato le difficoltà, come le variazioni individuali dovute a molti fattori e il fatto che i pazienti non espirano mai aria pulita. Inoltre, l'ampio rapporto segnale / rumore ricorrente con analisi delle tracce e analisi del database rende difficile l'isolamento dei composti specifici.

A causa delle loro elevate capacità olfattive, i cani sono stati utilizzati per rilevare il cancro al seno o ai polmoni, il diabete o le malattie renali con qualche successo6, anche se i risultati sono talvolta contraddittori, forse a causa della varietà di procedure di allenamento (es. Urina, sudore o respiro odori) 8,9,10. Ciononostante, i cani sembrano sovraperformare i nasi elettronici11, in quanto richiedono una concentrazione media di COV inferiore a 0,001 parti per miliardo (1 × 10-12) 12 mentre i nasi elettronici hanno una soglia di rilevamento da 100 a 400 per miliardo (1 × 10- 7) 5.

Nel tumore del colon-retto, il test più invasivo è il test del sangue occulto nelle feci, dove la sensibilità raggiunge il 43,8% per le neoplasie del colon-retto13, mentre la sensibilità del profumo canino per i campioni del respiro è del 91%. Ciò significa che i cani possono fornire un metodo di screening più efficace e non invasivo8. Chiamata anche rilevazione medica, la rilevazione di cambiamenti fisiologici temporanei come cambiamenti glicemici14,15,16 o emicranie17 è stata dimostrata in cani addestrati, consentendo al paziente di anticipare le crisi in arrivo entro pochi minuti o alcune ore prima.

Un'analoga previsione sarebbe molto importante per i pazienti epilettici, che potrebbero quindi cercare un ambiente più sicuro prima di un attacco. L'epilessia è una malattia neurologica caratterizzata da crisi ricorrenti18 che possono essere classificate in molti tipi e implicano vari sintomi19. L'epilessia può derivare da modificazioni genetiche o strutturali nel cervello, infezioni cerebrali, lesioni alla testa, ictus o tumori18. Anche vari disturbi psichiatrici comorbili sono comunemente associati all'epilessia, come ansia e depressione20,21,22,23. Questo può spiegare perché l'epilessia è specifica per individuo. Questa elevata variabilità può spiegare perché non è stato ancora intrapreso uno studio su un potenziale odore specifico di crisi. Rapporti aneddotici suggeriscono che alcuni cani da compagnia avvisano i loro proprietari epilettici di un attacco imminente, ma i segnali potenzialmente utilizzati da questi cani sono sconosciuti24. Alcune associazioni / istituzioni si sono impegnate ad addestrare i cani a rilevare gli odori corporei, ma su una base specifica (futura proprietaria) (respiro, sudore) (J. Cattet, pers. Obs.) E senza una chiara dimostrazione di concetto.

Nel presente studio, abbiamo ipotizzato che potrebbe esserci una componente olfattiva specifica per le crisi che sarebbe comune a diversi individui e tipi di convulsioni.

Abbiamo testato questa ipotesi utilizzando un protocollo validato15 che consisteva nel presentare a cani addestrati odori complessi (respiro e sudore) ottenuti da ciascun paziente epilettico durante una crisi, fuori da un attacco (attività calma) o durante sessioni sportive (per testare una potenziale sudorazione specificità).

Potremmo quindi verificare: (1) se i cani sono in grado di discriminare un campione di crisi tra gli odori ottenuti in altri contesti, (2) se questa non fosse una semplice discriminazione del sudore, (3) se i cani possano rilevare un odore di crisi da diversi pazienti , il che implicherebbe che ci sono elementi volatili che sono comuni a diversi tipi o cause di epilessia. Dato che ci siamo concentrati sull'odore ictale e non sulla pre-ictale, in questo studio non abbiamo formulato ipotesi sulle capacità di allerta per i grippaggi dei cani o sui tempi di tali anticipazioni.

Cinque cani sterilizzati (tre femmine, due maschi di varie razze, di età compresa tra 2 e 5 anni, media: X = 2,9 anni, vedi Supplementary Table S2) di Medical Mutts (Indianapolis, USA), addestrati a rispondere in un modo particolare (avvicinamento e in piedi sopra la lattina contenente l'odore bersaglio, cioè "comportamento di risposta") agli odori corporei di pazienti con diverse malattie o disturbi (diabete, ansia o epilessia) sono stati testati individualmente su un compito a sette scelte. Ad ogni prova, sette campioni di profumo di un paziente sono stati presentati in lattine opache: una da un attacco, due da una sessione sportiva, quattro prese in modo pseudo-casuale in giorni diversi durante l'attività calma. I campioni provenivano da 5 pazienti con diversi tipi di epilessia (sintomatica per lo più parziale da varie cause: crisi parziale complessa del lobo frontale (n = 2), crisi parziale complessa del lobo temporale (n = 2), crisi parziali semplici continue e parziale complesso temporale del lobo convulsioni (n = 1) a causa della sindrome di Rasmussen (n = 1), dell'anello cromosomico 20 (n = 1) e delle malformazioni cerebrali (displasia) (n = 3)). Poiché gli odori utilizzati per l'allenamento non provenivano dai pazienti, i cani inclusi nel presente studio erano completamente naïve a questi particolari odori. Ogni prova è iniziata quando il cane è entrato nella stanza, terminato con il comportamento di risposta, ed è durato un massimo di 5 minuti, con una pausa di 2 minuti tra ogni prova al fine di rimuovere e sostituire le lattine mentre il cane ha aspettato in un'altra stanza . Per tutti i cani, le prove sono state ripetute cinque volte per gli odori di una persona (paziente A). Quindi, dopo una pausa di due ore, ogni cane è stato presentato a caso i quattro set rimanenti di profumi da diverse persone (pazienti B, C, D ed E). Pertanto, ogni cane è stato coinvolto in 9 prove in totale.

Risultati

Tutti i cani sono riusciti in ogni prova, esibendo il "comportamento di risposta" sulla latta corretta (cioè con odore di crisi) in molto meno del criterio di 5 minuti (latenza media ± SD: 9.3 ± 2.08 sec). Dal momento che in ogni prova, solo una delle 7 lattine conteneva l'odore convulsivo, le prestazioni dei cani erano ben al di sopra della sensibilità casuale (percentuale di effettivi "positivi" che erano identificati correttamente15) del 14%, con il 67% al 100% sensibilità. Specificità (la proporzione di "negativi" effettivi (cioè il comportamento senza risposta su un campione di non epilessia) variava dal 95% al 100%. Tre dei 5 cani hanno mostrato sensibilità e specificità al 100%. sensibilità e specificità del 95%, quindi prestazioni ancora piuttosto elevate (Tabella 1 e Tabella Supplementare S1).

Visualizza la tabella

I cani non hanno trascorso la stessa quantità di tempo esplorando i diversi campioni (X² = 117,1, p <0,0001). Hanno esaminato per un tempo molto più lungo i campioni di crisi (media, 5,01 ± 1,34 s) rispetto agli altri campioni (dati aggregati, media, 0,70 ± 0,11 s) (test di confronto multiplo post hoc, p <0,0001; Fig. 1).

Confrontando le risposte dei cani con gli odori dei diversi pazienti, è emerso che i risultati erano concordanti (probabilità di permutazione del test di concordanza di Kendall basate su 999 permutazioni casuali: W = 0.448, F = 3.246, prob F = 0.021, Chi2 = 13.441 , Prob. Perm = 0.020).

I cani hanno mostrato lo stesso interesse nell'odore delle crisi attraverso tutte e cinque le ripetizioni con lo stesso odore del paziente (paziente A), e fin dall'inizio (Figura 2). Pertanto, la chiara discriminazione manifestata non potrebbe derivare dall'apprendimento di questi campioni. Inoltre, tutti i cani scelgono correttamente nella prima prova e il numero di falsi positivi (più tempo speso in campioni "non corretti") non è diminuito tra le ripetizioni.


Discussione

Questo studio, in cui cani addestrati sono stati confrontati con odori corporei da pazienti epilettici prelevati durante e fuori convulsioni, dimostra che questi cani erano chiaramente in grado di discriminare gli odori delle convulsioni dagli odori dello stesso paziente al di fuori di convulsioni e per tutti i pazienti testati. Dalla prima prova in poi, hanno risposto all'odore "giusto" e lo hanno esplorato più a lungo di qualsiasi altro odore. Ciò dimostra chiaramente per la prima volta che esiste effettivamente un odore specifico per le crisi tra individui e tipi di convulsioni.

Questo è particolarmente notevole in quanto questi cani sono stati addestrati per la discriminazione dei profumi di varie malattie o condizioni. Gli studi futuri dovrebbero coinvolgere un numero maggiore di cani e pazienti, ma la dimensione del campione del cane è stata in accordo con quelli della maggior parte degli studi sull'individuazione di profumi medici25,26,27,28,29, poiché i cani addestrati richiedono una lunga preparazione. Le dimensioni del campione del paziente erano limitate per ragioni pratiche ed etiche relative alle specificità dell'epilessia e sarebbero aumentate in futuro. Tuttavia, i risultati sono estremamente chiari e costituiscono un primo passo verso l'identificazione di un odore specifico per le crisi

Questa dimostrazione che i cani sono in grado di discriminare un odore specifico per le crisi apre infatti nuove linee di ricerca sul potenziale profilo generale dell'odore coinvolto. Per identificare questo profilo oltre le variazioni di tipo individuale e sequestro, si dovrebbero utilizzare analisi chimiche come la gas cromatografia o la spettrometria di massa. Potrebbe portare a miglioramenti significativi in termini di sistemi di rilevamento o di previsione delle crisi. Le risposte osservate qui mostrano che la generalizzazione è molto più alta del previsto. Inoltre, non si sa nulla sulla potenziale presenza pre-ictal di un odore, che sarebbe importante per aiutare i pazienti ad anticipare e cercare sicurezza prima che si verifichi un attacco.

Un aspetto interessante è anche che nel caso delle crisi epilettiche, i cani devono rilevare un odore temporaneo contrario alla rilevazione di stati cronici con potenzialmente un odore simile permanente (ad esempio cancro8,28). Tuttavia, la sensibilità e la selettività osservate qui sono state tra le più alte finora mostrate per la discriminazione olfattiva delle malattie da parte dei cani (dal 1330 al 100% 29 nel rilevamento del cancro, da 5014,15 a 87,5% 15 nel diabete). Questo può essere correlato al mix di odori usati, che includevano l'alito e l'odore della pelle, e che sono stati usati con successo15,31,32.

Tuttavia, in condizioni di vita reale, i cani diabetici sembravano avere una scarsa affidabilità: dal 26,2 al 59,2% in sensibilità33,34; Sensibilità del 36% e PPV del 12% solo a causa di allarmi inappropriati35 con una grande variabilità tra i cani.

Le incoerenze nel campo della rilevazione biomedica canina sia all'interno che tra gli studi sono probabilmente attribuibili a diversi fattori, tra cui differenze nelle caratteristiche del cane (ad esempio razza, età, sesso), differenze nei protocolli di allenamento e tempo di allenamento, impostazione sperimentale e raccolta e conservazione del campione (revisionato da 9,36).

Un problema intrigante sono le segnalazioni di cani da compagnia che, senza alcun addestramento formale, avvisano di un sequestro37,38,39. Non c'è una chiara conoscenza del "tasso di successo" di questi cani né su quali segnali essi usano. Oltre all'olfatto, possono essere coinvolte anche risposte a sottili segnali visivi. I cani possono aver imparato ad associare il particolare comportamento dei loro proprietari con l'odore specifico o le alterazioni posturali che possono precedere il sequestro. Solo ulteriori studi potrebbero aiutare a rispondere a queste domande. Il primo obiettivo dello studio era dimostrare che esiste un odore specifico e che i cani sono un buon mezzo per rilevarli. Ulteriori studi mireranno a determinare ulteriormente la dinamica temporale dei cambiamenti degli odori e le risposte dei cani.

In ogni caso, riteniamo che questi primi risultati forniscano un contributo importante nel campo della ricerca epilettica e riaprono la possibilità che i sequestri possano essere anticipati guardando oltre le caratteristiche olfattive. Questa possibilità è stata precedentemente messa da parte a causa della convinzione che epilessia e tipi di crisi fossero troppo specifici per uno spunto generico. I cani dimostrano che c'è speranza in questa direzione.

Materiale e metodi

Etica
Lo studio ha ricevuto l'approvazione del comitato di revisione istituzionale di OHS de Lorraine per le tecniche di raccolta utilizzate per ottenere campioni di odori da pazienti con epilessia. Sono state seguite tutte le linee guida istituzionali (Medical Mutts) e pubblicate (Assistance Dogs International) per l'uso del rinforzo positivo nella cura e nell'uso dei cani. Il comitato per l'etica degli animali di Rennes è stato consultato per questo studio e ha confermato che non è necessario richiedere un'autorizzazione per questa ricerca, poiché non ha influito sul benessere del cane.

La presente ricerca è stata non invasiva e non ha comportato interventi farmacologici. Pertanto, in conformità con le linee guida del Comitato Etico, i genitori hanno dato solo un consenso scritto informato per permettere alla partecipazione del bambino all'esperimento prima della loro inclusione nello studio.

Soggetti
Cinque cani addestrati hanno partecipato a questo studio (Tabella Supplementare S2). Tutti i soggetti vivevano nelle strutture di Medical Mutts (USA) e non erano mai stati esposti agli odori sperimentali di cinque pazienti. Medical Mutts seleziona i cani dai rifugi per essere addestrati da istruttori professionisti come cani guida. I criteri di selezione includevano i tratti del temperamento compatibili per l'addestramento dei cani di servizio40 e le attitudini fisiche. I cani sono addestrati per l'obbedienza alla certificazione per l'accesso pubblico oltre alla discriminazione dei profumi. I cani hanno trascorso un'ora al giorno, cinque giorni alla settimana in una sessione di allenamento15.

Campioni di odore
I pazienti sono stati reclutati presso l'Healthcare Center OHS Flavigny, Flavigny sur Moselle, Francia. Dieci partecipanti sono stati inizialmente invitati a partecipare dopo le raccomandazioni mediche. Uno ha rifiutato e gli altri 4 non hanno avuto un attacco durante il tempo di raccolta del campione di una settimana nel mese di dicembre 2017. Quindi, sono stati raccolti gli odori da 5 donne che erano residenti nel Centro Sanitario OHS. Tutti hanno avuto una diagnosi confermata di epilessia (vedi tabella supplementare S3) e nessuno ha avuto crisi epilettiche psicogeniche non epilettiche. Le crisi psicogeniche non-epilettiche (esclusive o in aggiunta alle crisi epilettiche) erano in realtà un fattore di esclusione quando si assumevano pazienti sulla base della loro diagnosi medica. Dal momento che vivevano tutti in una struttura medicalizzata al momento del campionamento, la diagnosi è stata ulteriormente confermata.

Hanno ricevuto lo stesso cibo senza restrizioni dietetiche. Dal momento che le crisi possono essere vissute in qualsiasi momento, la raccolta di campioni di crisi epilettiche può avvenire casualmente in qualsiasi momento (notte o giorno), mentre tutti gli altri campioni sono stati raccolti durante il giorno. Ai pazienti non è stata data alcuna raccomandazione specifica (ad esempio riguardo la contraccezione ormonale, i profumi, il fumo ecc.), In modo da mantenere una variabilità individuale "ecologica".

Procedura di campionamento degli odori
Sono stati raccolti tre tipi di campioni: (a) un "campione di crisi", raccolto durante o subito dopo (<5 min) un evento ictal; (b) un "campione di esercizio fisico", raccolto subito dopo (<5 min) esercizio moderato (definito come 1 min durante il quale il paziente ha eseguito circa 30 m, e ha fatto movimenti di gambe e braccia come step-touch e pugni). Campioni di esercizi fisici servivano come controllo per i movimenti o l'eccitazione che possono essere fatti o vissuti durante un attacco41,42. E (c) un "campione del giorno" è stato raccolto in un momento pseudo-casuale durante l'attività calma (ad esempio disegno, fabbricazione di carta) durante il giorno. I campioni non sequestrati sono stati raccolti almeno 6 ore prima o dopo un sequestro al fine di evitare una raccolta pre- o post-ictale.

Per ciascun paziente, sono stati raccolti due campioni di esercizi fisici su due giorni diversi e quattro giorni su quattro giorni diversi.

La raccolta degli odori è stata eseguita secondo la procedura utilizzata da Medical Mutts per addestrare i cani di assistenza15: ai pazienti è stato richiesto di utilizzare un tampone di cotone sterile (10 * 10 cm, 4 volte) per asciugarsi le mani, la fronte e la nuca molteplicità di origini degli odori. Il tampone di cotone è stato quindi inserito in una busta chiusa a zip (marca Ziplock, SC Johnson, Racine, WI, USA) e il paziente è stato istruito ad espirare nella borsa prima di sigillarla. Due tamponi di cotone sono stati raccolti da ciascun paziente, per ciascuno dei 7 tipi di odore. Ogni borsa è stata etichettata con le iniziali del paziente, il giorno e l'ora della raccolta e il tipo di odore corrispondente (normale, esercizio fisico o sequestro). I campioni sono stati conservati nel congelatore (Temperatura -12 ° C), quindi spediti dalla Francia negli Stati Uniti a temperatura ambiente e conservati nuovamente nel congelatore fino all'utilizzo (media di 47 giorni, SD = 18). È stato dimostrato che il congelamento preserva i campioni dell'odore umano del corpo senza alterare la percezione di questi odori e dei cicli di congelamento-scongelamento per non influire sulla qualità del campione43.

Formazione
I cani che hanno partecipato allo studio sono stati addestrati usando metodi di rinforzo positivi [12, 13]. Hanno subito la formazione generale per il cane da assistenza (30 comandi, sotto controllo in aree pubbliche, ecc.).

Più specificamente, la formazione per il SAD ha richiesto tre passaggi principali. Innanzitutto si crea un'associazione positiva tra il profumo di un attacco e il trattamento per indurre una risposta emotiva condizionata. Quindi il cane impara ad andare al profumo e a stare fermo sopra di esso. Questo comportamento di indicazione (cane in piedi sopra l'odore) viene sviluppato aggiungendo distanza e durata e usando il comando "Verifica". Il secondo passo consisteva in un compito di discriminazione, aggiungendo progressivamente profumi aggiuntivi (distrattori, profumo intertestrale) e il cane imparava a indicare solo il profumo delle crisi.

Nella terza fase dell'addestramento, il profumo delle crisi è stato posto su una persona. L'indicazione 'stay-stand' è stata sostituita insegnando al cane ad allertare con un colpo di naso sul corpo della persona.

Gli odori utilizzati per l'allenamento non provenivano dai pazienti. Pertanto, i cani inclusi nel presente studio erano completamente estranei a questi particolari odori.

Setup sperimentale
Le prove hanno avuto luogo da gennaio 2018 a febbraio 2018, in una stanza chiusa (9,1 × 6,1 m, 4 m di altezza, 21 ° C in media) (figura complementare S1) nella struttura di addestramento. Nessuno sperimentatore era presente nella sala prove durante una prova (vedi anche 15). Sperimentatore era in una stanza vicina, separata dal primo da una porta di legno. Una telecamera è stata collegata a un sistema di monitoraggio e un'altra ha registrato le prove. All'inizio di una prova, la stanza era aperta, l'allenatore diede il comando ("Check"), quindi chiuse la porta e rimase fuori vista o raggiunse la seconda stanza. Il cane era libero di esplorare il set-up sperimentale fino alla corretta identificazione del campione di crisi. È stato poi premiato con un trattamento da un distributore automatico attivato a distanza dal trainer (Pet Tutor®). Poi l'allenatore aprì la porta e chiamò il cane fuori dalla stanza. Il cane è rimasto nella seconda stanza tra due prove, mentre lo sperimentatore ha cambiato i campioni e ha messo le lattine nelle posizioni giuste per la prossima prova.

Il set-up sperimentale consisteva in sette lattine di acciaio (alte 18 cm x 17 cm di diametro), ciascuna contenente un piccolo contenitore (5,2 cm di diametro, 2 cm di altezza) in cui è stato posizionato un campione di odore. Questi contenitori impedivano al cane di essere a diretto contatto con i campioni. Le lattine erano disposte a semicerchio, equidistanti (2,08 m) dal Pet Tutor®. Ciascuno può contenere un campione di odore che potrebbe essere un sequestro, un esercizio fisico o un campione di attività calmo. Rispetto alla letteratura su esperimenti simili, si tratta di una media elevata per il numero di campioni presentati nei metodi line-up e la distanza tra le lattine (circa 50 centimetri) era comparabile8,15,26.

Ad ogni test, tutte e sette le lattine contenevano un odore della stessa persona: un campione di crisi, due campioni di esercizio fisico e quattro campioni calmi.

Procedura di prova
Le prove si sono svolte come segue: ogni cane ha avuto le prime 5 prove usando lo stesso odore della persona, una pausa di 2 ore e quindi una prova con ciascuno dei 4 pazienti rimanenti (vedi Fig. 2). Pertanto, ogni cane ha avuto 9 prove in un giorno. Ogni prova di prova è durata al massimo 5 minuti, con una pausa di 2 minuti tra ogni prova al fine di rimuovere e sostituire le lattine. Le posizioni degli odori sono state determinate in modo pseudocasuale prima delle sessioni e sono cambiate tra le prove, con il vincolo che la stessa posizione non poteva essere utilizzata più di tre volte di fila per lo stesso tipo di odore per evitare l'errore di apprendimento e indurre A- errori non-B (Smith et al., 1999).

Codifica comportamentale
Ogni prova è stata videoregistrata (30 fps, Sony Handycam HDR-CX380) e codificata utilizzando la riproduzione fotogramma per fotogramma per l'accuratezza della determinazione del comportamento investigativo. La latenza della prima risposta è stata misurata così come il tempo trascorso dal cane nell'indagine olfattiva delle lattine (cioè il naso a meno di dieci centimetri dalle lattine44,45,46). Dato il comportamento dell'indicazione (rimanere in piedi con la testa sopra i barattoli), è stata conteggiata un'indicazione se è durata più di 3 secondi. La stessa persona (A.C.), cieca ai contenuti delle lattine, ha codificato tutte le prove. Un altro programmatore, che non conosceva gli obiettivi dello studio, ha verificato l'affidabilità di questa codifica in tutte le prove. L'accordo tra osservatori era elevato (κ = 0,91).

analisi statistiche
Sensibilità e specificità sono state calcolate dopo aver riunito i dati di tutte le prove per tutti i cani in conformità con15.

Inoltre, poiché i dati non erano distribuiti normalmente, sono stati utilizzati test statistici non parametrici47. Le prestazioni per i singoli cani sono state valutate statisticamente con test binomiali. Un test di Friedman ha confrontato il tempo trascorso esplorando le diverse categorie di campioni, con tutti i cani e le prove messe in comune. Per valutare le potenziali differenze tra gli odori di ciascun paziente, tutti i cani sono stati raggruppati nel tempo di esplorazione cumulativo per i cinque diversi pazienti (prima presentazione della persona ripetuta e le ultime quattro persone). La concordanza tra le prestazioni dei cani secondo le persone è stata stimata usando un test di Kendall per permutazione.

Articolo scritto su www.nature.com tradotto con Google Translation.


ALTRE NOTIZIE DA AEER