HOME > Quello che abbiamo fatto in 25 anni non basta

Quello che abbiamo fatto in 25 anni non basta

Di Cristina Da Rold in Oggiscienza

Di epilessia si muore ancora in tutto il mondo e il gap fra paesi ricchi e poveri è enorme. In Italia la mortalità è cresciuta dell'11% in 25 anni.

 

Un’ampia revisione sistematica su 195 paesi, pubblicata su The Lancet, mostra che l’epilessia è ancora una causa importante di disabilità e mortalità, specie nei paesi più poveri del mondo. Questo nonostante tra il 1990 e il 2016 sia diminuito il carico di malattia, burden of disease, ovvero una misura dello scarto tra lo stato di salute effettivo di una popolazione e quello atteso – in cui tutta la popolazione raggiunge l’aspettativa di vita prevista senza i più importanti problemi di salute -.

Questi cambiamenti non sono tanto il risultato di una differenza nella prevalenza dell’epilessia, quando della riduzione del tasso di mortalità e della gravità della malattia. Il basso tasso di mortalità nei paesi ad alto SDI (Status Socio Economico) ci fa capire che le tante morti per epilessia idiopatica nei paesi a basso reddito sono evitabili.


ALTRE NOTIZIE DA AEER